logo-mini
OF News - OF Osservatorio Finanziario

SOMMARIO

Prima Intesa Sanpaolo, seconda Crédit Agricole, terza Hello bank!. Ecco il podio della classifica 2017 che premia i migliori mutui a tasso fisso e variabile. Ad essere valutati, oltre ai costi e ai tassi di interesse, anche i servizi aggiuntivi collegati al prestito

Leggi Anche:

OFMigliorMutuo 2017

Il mutuo migliore del 2017 ha costi contenuti, un tan ridotto per chi richiede non oltre il 50% del valore dell’immobile, e servizi aggiuntivi che inglobano consulenza, online e in filiale, e opzioni di flessibilità da abbinare alla gestione del piano di ammortamento. E’ questo l’identikit del finanziamento premiato da OF Osservatorio Finanziario che, in occasione della presentazione del nuovo indice bancario frutto dell’analisi di due database proprietari (il DB Prodotti Bancari e OF PowerView Analytics), ha elaborato un nuovo algoritmo volto a definire il miglior istituto di credito dell’anno (Leggi qui OFMiglior Banca 2017). In questo contesto, oltre alle valutazioni relative alle voci di bilancio, ai servizi, ai prodotti bancari, alla distribuzione e alla sostenibilità, è stato premiato anche il mutuo migliore del 2017 (sulla base dei dati raccolti nel 2016).

Per l’analisi, l’istituto indipendente di ricerca ha deciso di confrontare i mutui a tasso fisso e quelli a tasso variabile proposti dai 24 gruppi bancari oggetto d’indagine. Per ogni finanziamento, poi, è stato calcolato il tasso annuo nominale e il Taeg sulla base di una simulazione ipotetica di utilizzo che prevede la richiesta di 100.000 euro da restituire in 15 anni. Inoltre, hanno consentito di ottenere un punteggio aggiuntivo anche i servizi accessori collegati al mutui. Ecco la top five per il 2017.

I 5 migliori a Tasso Fisso

Con un Taeg dell’1,65% l’OF-Miglior Mutuo 2017 a tasso fisso è mutuo Domus di Intesa Sanpaolo, nella versione che copre fino al 50% del valore dell’immobile. Numerosi gli extra previsti come Mutuo Up, che consente di richiedere una liquidità aggiuntiva con un minimo di 3.000 euro e un massimo pari al 10% dell’importo del mutuo per l’acquisto. La quota aggiuntiva può essere richiesta una sola volta ed entro 12 mesi dalla data di stipula del mutuo. Sono incluse, inoltre, le opzioni di flessibilità per saltare il pagamento della rata per tre volte o modificare la durata.

Casa Semplice 50% di Crédit Agricole si colloca in seconda posizione con un Taeg dell’1,78% previsto per richieste fino al 50% del valore dell’immobile. Il merito va ai servizi aggiuntivi, come le opzioni di flessibilità per saltare la rata e per modificare la durata del piano di ammortamento. Tra i plus vi è lo sconto sullo spread per chi sottoscrive congiuntamente la polizza CPI a protezione del prestito, e la possibilità di ottenere lo stesso tasso di interesse anche per le richieste di surroga.

---- Terza posizione per mutuo Hello! Home 50% di Hello bank! con un Taeg dell’1,62% per chi richiede fino al 50% del valore della casa. Il mutuo si caratterizza soprattutto per le spese contenute e sotto la media, in particolare per l’istruttoria della pratica che mantiene un costo fisso di 200 euro che resta uguale per tutte le durate e gli importi. Inoltre, è applicato lo stesso tasso di interesse anche per le richieste di surroga.

A un passo dal podio si colloca BPER Banca con BPER mutuo a tasso fisso 50%. Il Taeg è dell’1,73% per richieste che non superano la metà del valore dell’immobile. Ad essere premiati sono soprattutto i costi contenuti: il Tan, infatti, è pari a 1,50% e resta fisso per tutta la durata. Mentre, per quanto riguarda i servizi, è stato assegnato un punteggio aggiuntivo alla presenza di un portale dedicato al mondo casa: in questo sito sono raccolte notizie e vengono fornite spiegazioni relative al finanziamento e agli step da seguire per acquistare la prima casa. Inoltre, con il simulatore online si può calcolare la rata senza dover passare in agenzia.

Chiude la Top Five l’offerta di CheBanca! per LTV (Loan To Value) non superiori al 50% del valore della casa. In questo caso, il Tan del 2,10% comporta un Taeg del 2,31%. Tra i plus, non sono previste spese periodiche come le commissioni per l’incasso della rata mensile o per la gestione annua. Inoltre, è possibile fare la simulazione online per calcolare rata e tasso di interesse, e avviare direttamente da casa le pratiche per la sottoscrizione del finanziamento.

I 5 migliori a Tasso Variabile

Mutuo Domus di Intesa Sanpaolo con Loan to value al 50% si aggiudica anche il premio di OF Miglior Mutuo 2017 a tasso variabile. Il Taeg è dell’1,07% e le condizioni sono valide sia per l’acquisto sia per la surroga. Inoltre, non viene applicato il floor, presente invece nei contratti di finanziamento proposti da numerosi istituti. Come per la versione a tasso fisso, anche in questo caso sono presenti gli stessi servizi extra: MutuoUP per richiedere liquidità aggiuntiva entro un anno dalla sottoscrizione del finanziamento, da un minimo di 3.000 euro a un massimo pari al 10% dell’importo del mutuo per l’acquisto. Sono valide inoltre le opzioni di flessibilità per saltare rata o modificare la durata.

---- Seconda posizione per Casa Semplice 50% di Crédit Agricole, con un Taeg dell’1% per richieste fino al 50% del valore della casa. Ad essere premiati, come nel caso della versione a tasso fisso, sono i servizi aggiuntivi, e i bassi costi legati al credito. In particolare, tra i servizi aggiuntivi vi è la possibilità di ottenere uno sconto sullo spread sottoscrivendo la polizza CPI a protezione del finanziamento. Inoltre è applicato lo stesso spread anche per richieste con finalità di surroga. La banca, infine, non applica nessun floor.

La terza posizione è di Hello bank! con Hello! Home 50%, con un Taeg dell’1% per importi richiesti fino al 50% del valore dell’immobile. Il mutuo, come nella sua versione a tasso fisso, si caratterizza per le spese accessorie contenute. Anche nel caso del finanziamento a tasso variabile, infatti, l’istruttoria della pratica prevede un costo di 200 euro che restano fissi per tutte le tipologie di finanziamento e per tutti gli importi. Lo stesso spread è disponibile anche per richieste di surroga e non è previsto un floor in caso di tassi Euribor negativi.

Segue in quarta posizione il mutuo variabile Euribor 50% di CheBanca! con un tasso annuo nominale dello 0,94% pari cioè a un Taeg dell’1% tondo. Come per la versione a tasso fisso, anche in questo caso, ad essere premiati sono soprattutto i bassi costi di gestione: non sono previste spese di incasso rata o di gestione annua. Mentre, tra i plus che contraddistinguono il finanziamento, vi è la possibilità di inoltrare la richiesta dopo aver effettuato una simulazione online.

Infine, chiude la top five dedicata ai mutui a tasso variabile Webank con il variabile Euribor 50%. L’offerta si caratterizza soprattutto per i costi accessori contenuti e sotto la media. Il Tan dello 0,90% comporta un Taeg dell0 0,94%. Non sono previste commissioni di istruttoria, perizia, incasso rata e gestione pratica, e anche l’assicurazione incendio e scoppio obbligatoria per legge è offerta a costo zero.

© OF Osservatorio Finanziario - Riproduzione Riservata


Il nostro network

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Vai al sito

Visita il sito