logo-mini
Coronavirus: parte la gara di solidarietà OF OSSERVATORIO FINANZIARIO

SOMMARIO

Le piattaforme di crowdfunding hanno fatto un vero boom durante l’emergenza sanitaria raccogliendo in poche ore cifre record fino a 10 milioni di euro. I privati, da Fedez a Berlusconi ad Armani hanno fatto la loro parte. E anche le banche sono entrate in azione per sostenere i principali ospedali italiani. Ecco tutte le iniziative solidali in corso. E le raccolte fondi alle quali si può fare una donazione (IN AGGIORNAMENTO)

Coronavirus: parte la gara di solidarietà

Leggi anche:
» Coronavirus: gli aiuti delle banche a privati e aziende



Ultimo aggiornamento alle ore 12:30 del 26/3/2020

L’emergenza sanitaria senza precedenti in corso in tutto il mondo (l’OMS l’ha recentemente definita pandemica), e l’enorme sforzo a cui sono sottoposte le strutture ospedaliere in Italia, ha prodotto come conseguenza una significativa ondata di solidarietà che ha coinvolto molteplici attori, oltre a volti noti del mondo della politica e dello spettacolo. L’ex primo ministro Silvio Berlusconi ha donato 10 milioni di euro per la realizzazione di un reparto con 400 posti di terapia intensiva alla Fiera di Milano. Lo stilista Giorgio Armani, tra i primi a intervenire, ha devoluto un milione e 250mila euro a 4 strutture ospedaliere. 3 milioni sono arrivati dalla famiglia Benetton e 2 da François-Henri Pinault, patron del gruppo Kering, colosso del lusso cui fanno capo numerosi marchi italiani (come Gucci, Bottega Veneta e Pomellato).

Le piattaforme di crowdfunding


Ma la vera gara di solidarietà continua a essere portata avanti soprattutto sulla rete. E in una situazione di emergenza nazionale le iniziative di crowdfunding online, cioè le raccolte fondi spontanee rese disponibili dalle apposite piattaforme virtuali, stanno riscoprendo un vero boom. Raggiungendo in pochi giorni risultati più che sorprendenti. Il rapper Fedez e la moglie Chiara Ferragni, per esempio, hanno scelto GoFoundMe per raccogliere donazioni in favore dell’Ospedale San Raffaele di Milano: nelle prime 5 ore dalla messa online la campagna aveva già raggiunto il milione di euro e nelle prime 24 ore erano già stati raccolti 3 milioni, per un totale di 165.000 donazioni provenienti da oltre 92 paesi del mondo. Una settimana dopo, la cifra ha sfondato quota 4 milioni, mentre sui canali social ufficiali iniziano a comparire le prime immagini dei lavori in corso per la realizzazione del nuovo reparto.

Ma le iniziative avviate su GoFoundMe sono molteplici. C’è una campagna della Juventus, DistantiMaUniti, che in 5 giorni ha raccolto 411mila euro da destinare alla regione Piemonte. I calciatori italiani che hanno vinto la coppa del mondo nel 2006 hanno scelto di sostenere la Croce Rossa e, per ora, sul portale hanno racimolato circa 259mila euro. Mentre 258mila euro sono stati raccolti dalla squadra di calcio di serie A Roma.

A Brescia, una delle province maggiormente colpite dall’emergenza, è bastata una settimana per raccogliere 10 milioni di euro. La campagna, #aiutiAMObrescia avviata dal Giornale di Brescia e dalla Fondazione della Comunità Bresciana per sostenere il sistema sanitario locale è stata potata avanti anche sulla piattaforma di crowdfunding di Intesa Sanpaolo, ForFunding, dalla quale era possibile donare anche utilizzando la carta di credito.

Anche la squadra di calcio milanese Inter ha avviato una sua personale campagna di global crowdfunding, scegliendo però di utilizzare il social network facebook e coinvolgendo il club ma anche i tifosi di tutto il mondo. Il ricavato, che è stato fissato a quota 500.000 euro, sarà devoluto al Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche dell'ospedale Luigi Sacco di Milano.

Le iniziative delle banche


Tra i tanti nomi illustri che in questi giorni stanno contribuendo con iniziative benefiche, anche molti istituti di credito si sono attivati, mettendo in campo iniziative solidali di vario genere. (per leggere il report completo vedi La Bussola Retail di marzo 2020).

Intesa Sanpaolo, per esempio, ha comunicato che nel 2020 14 milioni di euro saranno erogati al Fondo di Beneficenza ed opere di carattere sociale e culturale di Intesa Sanpaolo, in capo alla Presidenza. Di questi, in particolare, 1 milione di euro, sarà destinato a progetti di ricerca medica sul Covid-19.

La banca, inoltre, ha recentemente comunicato di aver effettuato una donazione pari a 100 milioni di euro da destinare a progetti specifici come il rafforzamento delle strutture di terapia intensiva, portando i posti letto da 5.000 a 7.500, e la creazione di ospedali da campo, con il relativo acquisto di apparecchiature mediche.
Dal 20 marzo 2020, inoltre, la banca ha messo a disposizione della Protezione civile la propria piattaforma di crowdfunding forfunding.it per avviare una raccolta fondi. L’iniziativa rientra nel Protocollo di collaborazione che la banca ha siglato con il Dipartimento della Protezione Civile per il contenimento e il contrasto dell’emergenza, sulla base del quale è stata anche regolata la donazione di 100 milioni di euro. In particolare, i fondi raccolti verranno usati per il rafforzamento del servizio sanitario e degli enti attualmente chiamati a gestire l’emergenza, con la creazione, per esempio, di nuovi posti letto di terapia intensiva e sub-intensiva.
Inoltre, il 24 marzo 2020, la banca ha anche versato un contributo di 350mila euro alla Fondazione ANA Onlus per accelerare i tempi di realizzazione dell'ospedale da campo dell'Associazione Nazionale Alpini a Bergamo. Avviata anche una raccolta di fondi su forfunding.it, che potrebbe portare alla Fondazione ANA altri 100mila euro. Mentre 50mila euro sono stati devoluti alla raccolta fondi “Abitare la Cura” avviata da L’Eco di Bergamo, Caritas diocesana e Confindustria Bergamo, per alleviare le necessità delle strutture sanitarie e delle famiglie ndella cura dei malati Covid-19.

UniCredit, invece, il 13 marzo 2020 ha avviato un'iniziativa di raccolta fondi a livello di gruppo per sostenere tre degli ospedali italiani più coinvolti nell'attuale emergenza. In particolare, ogni euro donato dai dipendenti genererà un contributo aggiuntivo da parte di UniCredit Foundation di 10 euro, fino a un totale di 1 milione di euro. Gli ospedali e gli istituti di ricerca che riceveranno il supporto sono: Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, Ospedale Luigi Sacco di Milano, Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo di Pavia.

L’iniziativa si aggiunge alla decisione di UniCredit Foundation di donare 200.000 euro a favore della Fondazione IRCCS Ca' Granda di Milano, uno dei migliori ospedali pubblici in termini di ricerca, con l'obiettivo di creare una nuova unità ospedaliera infettivologica e di supportare il progetto di ricerca infettivologica per migliorare la prevenzione e l'efficacia delle cure contro il nuovo coronavirus.

Tra le altre iniziative rivolte alla Comunità, poi, la banca ha anche donato 2 milioni di euro alla Protezione Civile per l’acquisto di materiale sanitario e dispositivi medici per coloro che ne abbiano necessità.
Mentre, il 23 marzo, UniCredit ha informato che grazie ai fondi raccolti tramite la carta di credito UniCredit Card Flexia Classic Etica, effettuerà una donazione di 360 mila euro alla Croce Rossa Italiana e a 20 comitati locali che operano sui territori per l’acquisto di mascherine, materiale sanitario e dispositivi medici, nonché di un’unità mobile-operativa attrezzata per il coordinamento dell’emergenza.

Ha avviato una raccolta fondi per sostenere l’Ospedale Sacco di Milano, invece, Banca Mediolanum che ha anche annunciato di aver devoluto 100.000 euro alla stessa struttura per affrontare la crisi da Covid-19. Somma immediatamente disponibile per sostenere i reparti maggiormente esposti all’emergenza. Inoltre, è stato aperto un conto corrente dedicato dove ogni cittadino può versare il suo contributo utile all'acquisto di attrezzature, per la diagnostica e la ricerca, per il reparto di Microbiologia, Virologia e Bioemergenze dell’ospedale milanese. E che, ad oggi, ha raccolto un totale di 422mila euro. Successivamente, la banca ha provveduto a un’ulteriore donazione da 140.000 euro per l’acquisto di una macchina destinata all’Unità Operativa di Virologia e Bio-Emergenze.
200mila euro sono stati stanziati in favore della Fondazione Policlinico San Matteo di Pavia, mentre un’ulteriore donazione, pari a 200.000 euro, è stata destinata alla Fondazione Ca'Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.

Il Gruppo Mediobanca, insieme ai suoi dipendenti, ha comunicato il 26 marzo 2020 di aver donato 1,1 milioni di euro in favore della lotta contro il Covid-19. L'importo verrà devoluto alla Regione Lombardia, al Comune di Milano e all'Ospedale Sacco. Ed è stato raccolto grazie a una campagna interna di raccolta fondi.

Crédit Agricole, insieme a Fondazione Cariparma e a Fondazione di Piacenza e Vigevano ha acquistato 35 macchine per la ventilazione assistita da destinare agli Ospedali di Parma e Piacenza. 20 ventilatori polmonari arriveranno negli ospedali dell’Azienda USL di Modena grazie a BPER Banca.

Banca Sella promuove online due raccolte fondi in favore dell’Associazione Save The Planet Onlus e dell'associazione Amici dell'Ospedale di Biella, per sostenere i reparti di rianimazione, semintensiva e il pronto soccorso.
Fineco, invece, pensa ai due principali ospedali italiani attivi contro l’emergenza. In particolare, è previsto l’acquisto di attrezzature necessarie ai reparti maggiormente impattati all’ospedale Fatebenefratelli Sacco di Milano. Mentre una parte dei fondi raccolti sarà devoluta alla ricerca virologica per contrastare l'emergenza sanitaria per l'ospedale Spallanzani di Roma.

Creval, dal canto suo, rivolge le sue attenzioni al territorio valtellinese e, insieme alla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, ha deciso di attivare una raccolta fondi in favore degli Ospedali di Valtellina e Alto Lario per l’acquisto di attrezzature indispensabili per la cura dei malati, donando anche un primo contributo di 20.000 euro. Mentre Banca Carige ha devoluto 150mila euro per la raccolta fondi lanciata dalla Regione Liguria, avviando anche una campagna di comunicazione per sensibilizzare la comunità regionale.

Anche Bancomat Spa ha scelto di puntare sul suo servizio di trasferimento fondi da mobile, Bancomat Pay per sostenere uno degli ospedali più colpiti dall'emergenza sanitaria. E' stata così lanciata una campagna di crowdfunding volta a sostenere la Fondazione Spedali Civili di Brescia, mentre tutte le donazioni possono avvenire tramite il wallet Bancomat Pay: basta inserire l'importo che si intende donare e la transazione è immediata, utilizzando il numero di cellulare del cliente collegato all’IBAN del suo conto.

© OF Osservatorio Finanziario – Riproduzione riservata

Leggi Anche:


Contatti

OF Osservatorio Finanziario

OfNews è una realizzazione di OF Osservatorio Finanziario. Leggi Privacy Policy (formato PDF)

Visita il sito